09252022Dom
Last updateMer, 21 Set 2022 8pm
>>

Nuovi materiali naturali per imballaggi ed etichette

Il 29 luglio è stato il giorno del sovraccarico della terra. È il giorno dell'anno in cui l'umanità ha esaurito le risorse rinnovabili annuali. Di conseguenza, avremmo bisogno di 1,7 Terre per soddisfare il nostro consumo. Purtroppo questo non è possibile, perché una seconda terra non è ancora stata trovata. Tuttavia, ci sono modi e possibilità per alleviare il nostro pianeta. Da Sabine Slaughter

Nel campo dell'imballaggio e delle etichette, ci sono ancora molte plastiche e/o prodotti contenenti plastica in circolazione. Tuttavia, questi possono di solito essere sostituiti da altri sostenibili. Nuovi tipi di imballaggi ed etichette sono realizzati con materie prime rinnovabili, con l'utilizzo di altre materie prime per l'estrazione oltre ai tradizionali processi di produzione di carta e cartone dal legno. Lo sviluppo progredisce costantemente e oltre alla carta d'erba, che ha celebrato la sua entrata nel mercato qualche anno fa, ci sono ora molti materiali diversi che danno la sostenibilità all'imballaggio o all'etichetta. Packaging Austria dà una piccola panoramica degli sviluppi attuali.
Plastica a base di legno
Woodly, un'azienda finlandese, offre plastica a base di legno. Una contraddizione? No, perché questa nuova plastica è basata sulla cellulosa di legno dolce e imita le proprietà della plastica convenzionale. La principale materia prima di Woodly proviene da foreste gestite secondo gli standard ecologici ed etici internazionali. A causa del suo contenuto a base biologica, Woodly è un materiale a zero emissioni di carbonio che può essere utilizzato per ridurre la dipendenza dai materiali fossili. Woodly è progettato per essere riciclato nel flusso di riciclaggio della plastica dopo l'uso. Può anche essere incenerito se necessario.
Per fare la plastica a partire dal legno sono necessari diversi mattoni. L'elemento base di Woodly è il polimero di cellulosa, che viene estratto dal legno. La cellulosa viene poi modificata con vari mattoni per farla comportare come la plastica. Questi elementi sono ispirati alla natura e molti di essi si trovano direttamente in natura come parti di piante. L'azienda utilizza anche componenti provenienti da materie prime fossili, poiché alcune delle controparti a base biologica non sono ancora disponibili su scala industriale.
Attualmente, i gradi di prima generazione di Woodly sono certificati da Tüv Austria come a base biologica dal quaranta al sessanta per cento. Questo è il primo passo sulla nostra strada verso un contenuto bio-based al cento per cento.
Woodly offre pellicole per linee di estrusione di film in bolla e cast. Le pellicole sono chiare e trasparenti e sono facilmente termoformabili. Per i prodotti stampati a iniezione, l'azienda ha nella sua gamma la serie Woodly 200. È facile da colorare, colpisce per la sua trasparenza e chiarezza e può essere utilizzato per contenitori e tazze, tra le altre cose, anche nel settore alimentare.
Canapa - più forte della pasta di legno
Gmund offre queste carte e cartoni per il settore dell'imballaggio. Poiché la canapa cresce molto più velocemente degli alberi (un albero impiega sette anni per essere raccolto; la canapa può essere raccolta tre volte all'anno). Poiché la canapa è molto più forte della pasta di legno - a causa delle fibre più lunghe - è particolarmente adatta all'imballaggio. Naturalmente, la canapa è anche riciclabile e permette anche ulteriori cicli di riciclaggio. Inoltre, le fibre di canapa sono naturalmente molto leggere e quindi richiedono meno candeggina. Naturalmente, anche la sensazione di queste carte e cartoni non è da disprezzare.
Erba, paglia, cotone, cannabis
Questi sono gli ingredienti principali di Gmund Bio Cycle. La colorazione verde della carta deriva dall'aggiunta di clorofilla naturale. Non solo è riciclabile, ma può anche essere compostato. Il cinque per cento di paglia non lavorata fornisce inclusioni lucide e una sensazione speciale. Con il cento per cento di cellulosa riciclata e un elegante tono crema, questa carta ha una consistenza aderente e una forte durata. In termini di certificazioni, Gmund Bio Cycle ha il certificato Gmund Eco così come canapa, cotone, fibra vergine certificata FSC e pasta riciclata. Questa carta è disponibile anche in Germania da Römerturm.
Barbabietola da zucchero sostenibile
Crown van Gelder offre carta e cartone ricavati dalla barbabietola da zucchero. Questi riducono l'impatto ambientale del 16%, secondo l'azienda. Le barbabietole da zucchero utilizzate crescono tutte in un raggio di 150 km intorno alla cartiera. La polpa di barbabietola che rimane dopo la lavorazione della barbabietola da zucchero nella fabbrica di barbabietola da zucchero diventa così un nuovo prodotto di produzione della carta. Le carte e gli imballaggi di cartone sono completamente conformi alla FDA e approvati dal BfR36.
Impianto di Silphia non solo per la produzione di energia
OutNature, Herma e Etiket Schiller hanno sviluppato congiuntamente delle etichette dalla pianta silphia. Questa pianta viene effettivamente coltivata per la produzione di bioenergia. Ora le fibre possono essere separate e utilizzate idealmente per la produzione di carta in combinazione con la pasta di legno convenzionale. I restanti componenti della pianta continuano ad essere utilizzati sotto forma di substrato di fermentazione nell'impianto di biogas per la produzione di energia.
Per la produzione della carta, le fibre di silicio sono preparate con un processo biotermico. Le singole fibre vengono poi mescolate con la pasta di legno. Disidratando la miscela, si produce un vello uniformemente tessuto. Attualmente, la carta consiste di almeno il 35 per cento di fibre di silicio; in futuro, l'obiettivo è di arrivare al 50 per cento. Come la carta convenzionale, le etichette fatte con carta silphia possono essere riciclate nel normale ciclo della carta da macero.
Etiket Schiller è una delle prime aziende in Germania ad offrire etichette fatte con questa carta sostenibile. Le singole fibre della pianta di silphia sono riconoscibili nella struttura del materiale - questo dà alle etichette un aspetto naturale e una sensazione speciale. Le etichette possono essere stampate non trattate o dare un aspetto nobile e allo stesso tempo naturale con un'ulteriore goffratura. Le etichette Silphia possono essere utilizzate in ambienti asciutti e non umidi.
Carte fatte con gli scarti degli asparagi
Gli asparagi bianchi devono essere sbucciati. Questo produce grandi quantità di fibre naturali ogni anno durante la stagione degli asparagi. Secondo l'Università di Scienze Applicate di Monaco, solo la metà della produzione mondiale di asparagi è usata come cibo. L'Università di Scienze Applicate di Monaco di Baviera ha sviluppato un processo con cui il materiale fibroso può essere estratto dagli asparagi e poi utilizzato per produrre vassoi da imballaggio dagli scarti degli asparagi. Come spiega la professoressa Helga Zollner-Croll, la superficie ruvida dell'imballaggio delle bacche potrebbe addirittura rendere superflui velli e fodere assorbenti.
Le fibre di asparagi sono adatte alla produzione di carta perché hanno una resistenza simile alle cosiddette fibre corte al solfito. Le singole fibre di asparagi sono chiaramente riconoscibili nella carta, e la colorazione beige chiaro riflette la naturalezza della carta. Tuttavia, la resa in fibra è bassa a causa del contenuto d'acqua molto alto degli asparagi. Poiché gli asparagi fanno schiuma durante la macinazione, il lavaggio delle fibre prima della macinazione è molto importante. Questo riduce il carico sul ciclo dell'acqua e aumenta la resistenza alla trazione delle fibre. La varietà di asparagi utilizzata per questo ha una grande influenza sul risultato della macinazione.
Popcorn come alternativa
I ricercatori dell'Università di Göttingen hanno sviluppato un imballaggio fatto di popcorn. Queste materie prime rinnovabili, riciclabili, ecologiche e biobased sono lavorate in un nuovo tipo di procedura, con cui si possono produrre corpi stampati tridimensionali dal granulato di popcorn.
"Questo nuovo processo, che si basa sull'industria della plastica, può ora essere utilizzato per produrre una grande varietà di parti stampate", spiega il capo del gruppo di ricerca, il Prof. Dr. Alireza Kharazipour. "Soprattutto per il settore degli imballaggi, si può garantire che i prodotti siano trasportati in modo sicuro. E questo con un materiale d'imballaggio che dopo è addirittura biodegradabile". Inoltre, i nuovi popcorn hanno proprietà idrorepellenti, il che aumenta ancora di più le loro possibili applicazioni".
L'Università di Göttingen ha concluso un accordo di licenza con la società Nordgetreide per la commercializzazione di questo processo.
Proteggere i funghi magici
Come alternativa al polistirene e ad altri polimeri ricavati da combustibili fossili, l'azienda britannica Magical Mushroom Company (MMC) ha nella sua gamma un imballaggio protettivo compostabile fatto da miceli (funghi). Questi sono fatti da rifiuti agricoli riciclati come la canapa, che viene poi mescolata con il micelio, la struttura intrecciata dei funghi, e pressata in un materiale composito. In pochi giorni, i rifiuti riciclati si legano con il micelio per formare un robusto pacchetto protettivo. Dopo l'uso, l'imballaggio completamente biodegradabile può essere smaltito con i rifiuti alimentari o compostato nel giardino di casa.
Secondo l'azienda, l'imballaggio funziona bene come il polistirolo ed è più economico dei polimeri espansi convenzionali.

 

comments
  • Latest Post

  • Most Read

  • Twitter

Who's Online

Abbiamo 7884 visitatori e un utente online

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.