07022022Sab
Last updateGio, 23 Giu 2022 3pm
>>

Sono qui per aiutare: La stampa 3D al BCN3D per cambiare il volto della pandemia globale Covid-19

L'enorme mancanza di materiale protettivo per i professionisti del settore sanitario che combattono la crisi della Covid-19 ci ha spinto ad iniziare a lavorare alla progettazione, alla prototipazione e alla produzione di parti per mantenere questi professionisti sicuri e confortevoli durante il loro lavoro essenziale. In un solo mese, più di 4.200 visiere riutilizzabili del BCN3D hanno raggiunto oltre 50 ospedali e centri sanitari in tutta la Spagna.

Se c'è qualcosa che conosciamo al BCN3D, è la fabbricazione, e nel bel mezzo di alcuni dei momenti più difficili che molti di noi abbiano mai affrontato, con una pandemia globale che ha tolto vite umane e ci ha costretti tutti a prendere misure drastiche per evitare che il virus Covid-19 si diffondesse ulteriormente, sapevamo fin dall'inizio che volevamo mettere le nostre conoscenze a disposizione degli altri.
Fin dai primi momenti di questa crisi, era chiaro che gli operatori sanitari sarebbero stati sul fronte di battaglia - e che non erano affatto vicini a contare sul materiale protettivo di cui avevano bisogno per rimanere al sicuro. Come afferma l'amministratore delegato del BCN3D, Xavier Martínez Faneca, la linea di condotta era chiara: "in una situazione di crisi come quella attuale, e contando su tecnologie come la stampa 3D, il minimo che possiamo fare come azienda è cercare di aiutare il più possibile gli operatori sanitari".
Tutti al BCN3D volevano essere al servizio, e una volta individuata questa necessità, un team di volontari che coinvolgeva più di 40 dipendenti ha iniziato rapidamente a lavorare - insieme ai fornitori di servizi sanitari, alle organizzazioni governative e alla nostra rete di professionisti - alla progettazione, alla prototipazione e alla produzione di diverse parti che potessero essere utilizzate da qualsiasi professionista sanitario in difficoltà.
BCN3D 3D stampa 3D visiere protettive Covid-19
Una parte del personale del centro sanitario di Grañén (Huesca).
Convalida funzionale: quando il comfort e la sicurezza sono fondamentali
In pochi giorni, le prime 100 unità delle nostre protezioni facciali protettive sono state pronte per la validazione funzionale da parte del personale degli ospedali Sant Joan de Déu e German Trias i Pujol, tra gli altri centri sanitari di Barcellona. Si è trattato di un passo cruciale per il team, poiché era fondamentale garantire che tutti i pezzi distribuiti fossero utili e sicuri da utilizzare. Secondo le parole del tecnico dell'azienda agricola BCN3D Ignacio López, "uno dei compiti più difficili è stato quello di fabbricare i pezzi in modo che fossero ergonomici e confortevoli per il personale e, naturalmente, mantenerli protetti".
Il design di questi scudi, come spiega Antonio Aranzana, Project Manager di Covid-19, era allora "basato su tre requisiti principali: comfort, adattabilità e sicurezza". La decisione è stata quella di fabbricare i pezzi in PET-G "a causa della sua elevata resistenza chimica", in modo che i pezzi potessero essere accuratamente disinfettati ripetutamente senza subire danni. Pertanto, "utilizzando il PET-G, abbiamo ottenuto una soluzione completamente riutilizzabile".
Fabbricazione: ottimizzazione al massimo grazie a IDEX
Una volta che abbiamo contato sulla validazione finale dei professionisti della sanità, il team del BCN3D è passato alla fabbricazione a tutto vapore, al fine di produrre il più alto numero di schermi protettivi per il viso nel minor tempo possibile.
A questo scopo, abbiamo dedicato completamente la nostra azienda di stampa, contando su un totale di 63 stampanti 3D, alla fabbricazione dei pezzi. Scaricate il nostro business case per scoprire come abbiamo potuto ottimizzare al massimo il processo grazie alla nostra tecnologia IDEX, che ci ha permesso di mantenere i nostri standard di alta qualità e di fabbricare rapidamente migliaia di pezzi.
Grazie alla modalità di duplicazione, siamo in grado di produrre 500 di queste parti per macchina in un mese, invece delle 250 unità per macchina che verrebbero stampate con le tradizionali stampanti 3D a doppia estrusione.
Produzione: un'intera comunità unita per aiutare
Tuttavia, questo processo ha incontrato una grande sfida lungo il percorso: come spiega lo specialista della produzione additiva Jesse Wiggins, abbiamo potuto fabbricare rapidamente le parti stampate in 3D senza problemi, ma in una società immersa in un blocco generale dove tutto il commercio era stato messo in attesa, "non avevamo abbastanza elastici, ci mancava la colla, non riuscivamo a trovare schermi...". Questa assoluta mancanza di materiali ha fatto sì che la produzione finisse presto.
Fortunatamente, l'intera comunità dell'area di Castelldefels, dove si trova il quartier generale del BCN3D, è stata estremamente rapida ad intervenire e ad offrire aiuto: "sono stati estremamente generosi", conferma Wiggins, "facendo di tutto per trovare e donare tutto il materiale che potevano ottenere".
Grazie a questo coinvolgimento della comunità locale, oltre a più di 400 volontari provenienti da ogni angolo del mondo che si sono offerti di contribuire con parti stampate in 3D per le visiere protettive, in un solo mese sono state distribuite più di 4.200 unità in oltre 50 ospedali e centri sanitari, oltre a decine di case di cura e farmacie in tutta la Spagna.


www.bcn3d.com

 

comments
  • Latest Post

  • Most Read

  • Twitter

Who's Online

Abbiamo 5830 visitatori e un utente online

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.